lunedì 19 giugno 2017

Un po' di roba vacanziera

Innanzitutto vorrei ricordare che quando si è in vacanza al mare, oltre a mangiare frutta e verdura, evitare di uscire negli orari più caldi e bere tanta acqua, si deve continuare a lavarsi le ascelle al mattino perché non funziona il "tanto faccio il bagno" ; l'utilizzo del deodorante è consigliato.

***

Continuo ad essere sorpreso della versatilità dello smartphone. Infatti adesso vi sto scrivendo da sotto l'ombrellone in riva al mare. Se non ci credete guardate la foto


***
Inoltre con le patate iniziamo ad affrontare discorsi sempre più impegnativi. Si parla spesso di morte. Il che va bene finché siamo noi a parlarne e non ne veniamo esclusi.  
Agata vorrebbe "piantarmi" in giardino invece che in una tomba in un cimitero, "perché è più bello" e non le posso dare torto. 
"Comunque Agata quando sarò morto vorrei farmi bruciare e diventare cenere"
"E poi dove la mettiamo la cenere "
"Dove volete, il papà vorrebbe nel mare di Albisola "
"Mmmmh... no io ci pianto il basilico" 
E vabbè. 

lunedì 12 giugno 2017

Tapasciata collinare.

Lo scrivo, perché scrivendolo forse mi schiarisco le idee. Ieri sono andato a fare una corsa, una delle solite "tapasciate", cioè le gare non competitive di corsa, che costano 2 euro, che hanno il vino bianco e il salame ai ristori, che hanno una lunga tradizione, alcune di esse.
Questa era un 20 km collinare nei pressi di Montecchio (a Vicenza), sui colli Berici, in mezzo ai boschi.
D'accordo, faceva caldissimo, ero poco allenato, mi faceva male il ginocchio: cioè le scuse c'erano tutte: quando sono arrivato al bivio dove dovevo scegliere il percorso da 20 km o da 15, ho girato a destra e ho scelto quello più corto. 
E' una cosa che non avrei mai fatto. boh.





venerdì 2 giugno 2017

Due giugno

In questa giornata solitaria a cazzeggiare in spiaggia, ho avuto l'ispirazione di postare una foto sul mio profilo di Facebook. pensavo di ottenere centinaia di likes invece non l'ha capita nessuno. Magari nella blogisfera c'è qualcuno che mi dà soddisfazione. 

 

mercoledì 31 maggio 2017

Sono un papà normale III

C'è il compleanno di mia figlia, preparo un paio di torte semplici semplici.

 

giovedì 25 maggio 2017

Quentin Tarantino

Uno dei miei sogni da quando è uscito episodio uno la minaccia fantasma , è stato quello di vedere un regista serio, bravo e riconosciuto da tutti , dirigere un episodio di Star wars. La minaccia fantasma mi fa fatto tanto  cagare che solo i due episodi successivi sono riusciti a fare di peggio. 
Ho pensato che l'unica maniera per risollevare le sorti della saga , sarebbe stata quella di far girare un episodio a Quentin Tarantino. 
I suoi attori preferiti erano già dentro (samuel jackson) , ci sarebbe voluto un tim roth o Michael madsen e il cast sarebbe stato completo.
Star wars splatter , tipo le iene o kill bill1 , David carradine a fare darth vather o l'imperatore palpatine. 
Poi ho spento la PlayStation. 

mercoledì 24 maggio 2017

Comunque la vita è una merda

Tanto prima o poi lo faranno. Mi licenzieranno. È così perché lo so, vedo delle cose ecc ecc. 
beh niente... non succederà come 4 anni fa. Sono cambiate tante cose sono diventato più adulto. Accetterò la cosa ma stavolta si combatte. Stavolta fino in fondo. Che paese di merda che siamo e che gente di merda che c'è in giro.  Non è tanto il fatto di perdere il lavoro, quanto la maniera in cui lo fanno. Si cerca di umiliare di prenderti in giro. Basterebbe rispettare la dignità e forse sarebbe tutto quanto differente. 
Ma non capiterà come due anni fa. Promesso 

lunedì 22 maggio 2017

Fossi Figo III

Per il 49 esimo anno consecutivo il Porco ha passato la prova costume. Non metto foto di tartarughe e pettorali però.


domenica 21 maggio 2017

Patto di Alieni

Che è poi la traduzione di Alien Covenant , il sequel del Prequel degli Alien di Ripley. Come i vari Star Wars,  è una saga che amo. Sono andato al cinema per veder quest'ultima opera di Ridley Scott invece di aspettare un DVD.
Non vi faccio lo spoiler perché ci sarà sicuramente un seguito, visto che la serie ha trovato in Michael  Fassbender un ottimo punto di riferimento per il futuro. Poi lui è assolutamente un Figo spazial. 
Alien covenant si colloca dopo Prometheus e prima della serie originale. Ha una bella trama e un bel ritmo, anche se ormai le scene di suspense o di vera paura non hanno più effetto. Ormai si sa che non bisogna toccare le uova nè tantomeno guardarci dentro. Ci sono un po' di bambinate tipiche degli horror, gruppi che si dividono, buoni che non fanno fuori subito i cattivi e cazzate varie. D'altronde di tenente Ripley ce n'è uno solo e avrebbe risolto il film dopo un quarto d'ora.
Comunque è un film che consiglio, naturalmente agli amanti del genere. Il finale si intuisce a metà film anche se speri sempre di sbagliarti; Ma consiglio per la trama il ritmo e il finale beffardo. 


venerdì 19 maggio 2017

La vita è una merda

Mentre state leggendo questo post , circa le 8 30 del mattino io sono seduto ad una scrivania . Di fronte a me c'è un collega e gli sto dicendo che la mia azienda lo sta licenziando. Dopo di lui ce ne saranno altri tre. 
Sì, è proprio una giornata di merda. Non so a chi dare la colpa. So che come in molte altre aziende parte del lavoro è stato trasferito in Polonia. La il costo del lavoro è la metà di quello dell'Italia, se sei un lavativo, vieni licenziato, se devi trasferire una persona da un piano all'altro del palazzo nessuno ti fa una vertenza sindacale. 
Se tu fossi il proprietario di una azienda non te ne andresti via da questo paese di merda? 
La metà dei soldi che guadagni se ne va in tasse ma non a disposizione della società ma vengono sprecati rubati mangiati o fottuti in generale. 
Perché devo tenere in Italia una attività che non rende? Perché devo pagare il 20% in più di una prestazione professionale che non mi porterà alcun vantaggio? 
Perché una banca è stata mandata al fallimento e chi ne è stato responsabile non ne subisce le conseguenze. 
Questo è quello che vorrei dire domani a queste quattro persone che mi chiederanno perché sono state licenziate. Perché siamo un paese di persone inette e noi siamo un popolo di inetti. Facciamo bene ad estinguerci . 
Domani faccio una cosa cHe non mi piacerà, io sono bravo a gestire i processi , le persone a ottimizzare la produzione a non sprecare risorse. Gli ultimi anni li ho passati a spostare i processi all'estero e licenziare le persone. 
Se non lo facessi io lo farebbe qualcun altro, hanno scelto me per questo lavoro di merda.
Queste persone non hanno futuro, l'Italia non ha futuro. Siamo in mano a persone che non vogliono pensare al futuro al progresso al cambiamento al benessere sociale. Siamo in mano a persone che ci insegnano a rubare a non pagare le tasse a essere disonesti , a essere succubi di Mafia Lobbies Religioni. Ci insegnano che non pensare è la cosa più bella perche c'è chi ci pensa al nostro posto. Ci dobbiamo preoccupare dell'uscita del iPhone nuovo, dello scudetto della Juventus e del festival di Sanremo. 
Boh non so neanche io dove voglio arrivare. La colpa è anche mia che se non ho voglia di lavorare mi faccio fare dal mio medico compiacente un certificato medico per 5 giorni. Che mi faccio fare un esenzione dai lavori che implicano l'uso del computer. Che sono in possesso di una legge 104 e la uso di venerdì o lunedì e ci attacco un giorno di ferie e una di indisposizione , che faccio come i dipendenti di Alitalia che votano di non rinunciare a nessun piano di ristrutturazione per non perdere i propri privilegi. 
Sì ce la meritiamo una dirigenza politica così. Perché noi siamo il loro specchio etutto sommato ci va bene così, fino a quando io sono dalla parte del tavolo che consegna la lettera di licenziamento . 
La vita è una merda, sì, ma cone dico quando devi trovare la reale causa : chiediti 5 volte perché? 
Baci vi voglio bene

giovedì 18 maggio 2017

Sono un papà normale II

Preparo la minestra di verdura. Zucchine patate fagiolini piselli fave erbette porri e carote. Ho fatto anche i crostini. 

Così volevo dirvelo perché domani è un giorno di merda.

 

martedì 16 maggio 2017

Un po' di cose

Comunque è assai fico scrivere con lo smartphone. Mi hanno dato un iPhone aziendale che mi fa cagare, ma è gratis quindi sto zitto e il pc ormai lo uso solo al lavoro. Prima avevo un Samsung e Android e avevo una connettività persino con la moka. 'Sto Apple non si collega a niente e per trasferire musica o foto è un disastro. Inoltre sto usando una app per postare sul mio blog ma anche qui devo fare dei magheggi per pubblicare. Quindi ci accontentiamo. 
Dicevo che era parecchio tempo che non tornavo a scrivere e per lo più lo facevo al lavoro (durante la pausa naturalmente) ma poi non sono più riuscito anche se le idee comunque venivano fuori. 
L'arrivo dello smartphone mi ha anche cambiato un po' i ritmi, all'inizio stavo sempre attaccato a sta roba : WhatsApp Facebook ecc e mi accorgevo di togliere attenzione alla mia vita e alle bambine . Adesso sto cercando di limitarmi. Quando sono a casa, fino a quando vado a letto cerco di non usarlo e penso che questa cosa l'avranno notata anche le patatine . Poi lo smartphone mi aveva anche tolto il piacere di leggere prima di addormentarmi e anche questo sto cercando di risolverlo. Niente zombi stavolta, sto leggendo la trilogia Queste Oscure Materie da cui hanno tratto un film La Bussola D'oro. Mi piace e soddisfa l'anticlericale che c'è in me. 

Ora tutto questo pistolotto a cosa mi serve ? Per dirvi che le Patate chiamano il monopattino Olopattino.  E stamattina ho fatto questa riflessione in cui notavo il passaggio dalla parola monos (solo, unico, uno) a olos (completo, totale). E niente dicevo che era bella 'sta roba.





domenica 14 maggio 2017

Sono un papà normale I

Costruisco il costume di Papageno per la recita del flauto magico.

giovedì 11 maggio 2017

Quanto tempo è Passato

quante cose sono cambiate. Adesso scrivo da uno smartphone. Le bambine sono diventate grandi . Hanno 6 e 8 anni. Io ho un po' fatto carriera sul lavoro. Prima ero al cazzeggio ora non ho tempo di respirare. Ho una capa nuova mi ha dato una promozione e un po' più di soldi . Ma ho perso il mio tempo. Vedo le patate di meno e poco e sono cose che non tornano. 
Speriamo di sentirci presto. 

giovedì 12 gennaio 2017

Speaking word of wisdom XIII

A: “Papà tu sei il capo di tutti?”
P: “Di tutti no, di alcuni.”
A: “Ah.”
P: “Ma anche io ho un capo.”
A: ”Non è vero, non è possibile.”
P: “Sì, è così! Pensa, è una ragazza e si chiama Barbara”
A: “…”
P: “Sì sì!”
A: “Eh sì, non può che essere una femmina il tuo capo”