venerdì 13 novembre 2015

Bastiano e Melania, la vongola che volò verso la luna.

Domenica scorsa mentre il Porco faceva una passeggiata in riva al mare a raccogliere i vetrini, ha trovato una conchiglia di un “cuore”, un frutto di mare simile alla vongola. Siccome aveva la forma di un’ala, ha subito mandato la foto alla sua amica Manza , dicendole: “Manzè questa conchiglia è a forma di ala, ci potresti scrivere un racconto”. Lei ha risposto: “Scrivilo anche tu!”.
Questo quindi è il secondo progetto di racconto con lo stesso tema: non è una gara a chi lo scrive meglio (sicuramente quello di Amanda sarà molto più bello) però ci piaceva l’idea di deliziare i nostri blogger che ci frequentano.

Bastiano e Melania, la vongola che volò verso la luna.

Bastiano aveva già in mano la fetta di limone e il coltello per aprire la vongola, quando si accorse che aveva una forma strana.
Pulì per bene la conchiglia dalla sabbia, sciacquandola con l’acqua di mare e provò a osservarne meglio la forma. Non era certamente una vongola. Era più grande e con le striature rugose con colori vivaci che andavano dal marrone al giallo. Dalle sue parti la chiamavano caparoza.
Questo era però ancora più strano: le due valve erano più strette ed allungate e finivano a punta; sembravano due ali chiuse come per proteggere un angelo.
Bastiano, che non si faceva certo suggestionare da poetiche figurazioni, afferrò la lama del coltello pronto ad aprire la conchiglia, quando senti una voce intimargli: “Fermo!”
Bastiano si guardò intorno cercando chi avesse mai parlato; non vide nessuno: la spiaggia era completamente vuota. Voltò lo sguardo intenzionato a gustarsi il frutto di mare, quando una leggera vibrazione proveniente dalla conchiglia accompagnò una perentoria intimazione: “Fermo li!” La voce, un po' attutita, proveniva chiaramente dalla conchiglia. “Guai a te se usi quel coltello”
Bastiano, evidentemente sorpreso, lasciò cadere la conchiglia in terra e fece un salto indietro.
“E adesso ributtami in acqua, grazie”
Bastiano, più divertito che spaventato raccolse la conchiglia, la sciacquò di nuovo e si mise a osservarla.
“Nell’acqua, ti ho detto!”
“Ma tu parli!” disse finalmente Bastiano.
“E tu non mi ascolti” rispose la conchiglia.
Con un sorriso Bastiano avvicinò la bocca e le chiese: “E perché non dovrei mangiarmi una caparoza?”
“Innanzitutto sono un cuore, non una caparoza, e mi chiamo Melania, tzè che rozzo!. Tu non mi puoi mangiare” continuò Melania “ perché domani volerò sulla luna”
“nessuno può volare fino alla luna” disse Bastiano.
“Domani il mare sarà in tempesta, io risalirò sulla superficie, aspetterò l’onda giusta, la raffica di vento favorevole, darò un colpo con le mie conchiglie alate, le staccherò e vuuum! Sarò in volo fino alla luna”.
“E’ la storia più assurda che abbia mai sentito” disse Bastiano “ma non ti mangerò” e lanciando Melania, una risata argentina accompagnò la lunga traiettoria curva verso il mare.    
“Grazieeee!”, urlò Melania di rimando prima di tuffarsi in acqua.
Bastiano si sedette sulla riva e prese una vongola e il limone dal cesto di vimini. Indugiò un momento prima di chiedere: “Qqualcun'altra di voi deve dirmi qualcosa?”
Non ricevendo nessuna risposta, si gustò gli ultimi frutti di mare, osservando delle nubi nere che si radunavano all’orizzonte.
Si era dimenticato ormai dell’accaduto e qualche giorno dopo Bastiano ritornò sulla spiaggia, perché il mare dopo la tempesta dona sempre dei regali alla terra.
Mentre raccoglieva dei rami di una forma strana, raccolse una conchiglia a forma di ala con dei colori vivaci e la esaminò. 
“Diavolo d’una Melania, ce l’ha fatta!” esclamò, alzando uno sguardo fantasticante come per cercare in un limpido giorno di sole, la luna.
“No, ma ci riprovo domani!”, gli rispose una voce femminile proveniente da uno scoglio lì vicino. E un granchio si tuffò in acqua.

E a Bastiano sembrò, anche se non era del tutto sicuro, che il granchio gli avesse strizzato l’occhio.   



4 commenti:

  1. com'è bella la tua favola Porco! Le Patate avranno storie fantastiche per la buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si,domani sulla spiaggia gliela racconto.

      Elimina
  2. Siccome sono pigra ho commentato i due racconti sul blog di Amanda, comunque ripeto che l'idea della "sfida" è proprio carina. : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MIra, ma Amanda è un altro pianeta. scrive da dea. non c'è proprio sfida. le mie sono cazzatine a confronto.

      Elimina